Lingua

  • Italiano
  • English

Centri di ricerca

L' Istituto di Fotonica e Nanotecnologie (IFN) appartenente al "Consiglio Nazionale delle Ricerche" (CNR) ha sede a Milano presso il Dipartimento di Fisica del Politecnico di Milano e ha quattro Sezioni territoriali distaccate a Roma,  all'Università di Bari, all'Università di Padova e presso la Fondazione Bruno Kessler di Trento. L’attività di ricerca comprende sia studi di base sia di progettazione, fabbricazione e caratterizzazione di dispositivi fotonici avanzati.

Presso il Polo di Como è attivo il Centro Interuniversitario L-NESS (Laboratorio per Nanostrutture Epitassiali su Silicio e per Spintronica) istituito con l’Università degli Studi Milano-Bicocca attraverso anche contributi della Regione Lombardia e della Fondazione Cariplo. Le attività di LNESS riguardano la crescita e la caratterizzazione di materiali nanostrutturati per dispositivi dedicati alle nuove tecnologie della microelettronica, della fotonica e della spintronica nonché lo studio dei difetti reticolari nello sviluppo di nanostrutture auto-organizzate.

Presso Politecnico di Milano, il MIUR ha costituito il Centro di Eccellenza per l’Ingegneria dei Materiali e delle Superfici Nanostrutturati (NEMAS). All'iniziativa partecipano ricercatori di quattro Dipartimenti: Chimica, Elettronica, Fisica e Ingegneria Nucleare. NEMAS ha come obiettivo la maggiore integrazione funzionale di tutte le competenze disciplinari necessarie per affrontare la tematica delle nanotecnologie, settore che richiede competenze ibride e integrate.

Il CNISM (Consorzio Nazionale Interuniversitario per le Scienze Fisiche della Materia) è un consorzio non a scopo di lucro attualmente composto da 39 Università e al quale afferiscono circa 1300 ricercatori universitari attivi nel campo della Fisica della Materia. Il CNISM si propone di promuovere e coordinare le ricerche e le attività scientifiche e applicative nel campo delle Scienze Fisiche della Materia e delle tecnologie connesse tra le Università consorziate, al fine di meglio sviluppare le attività che ciascuna di esse sostiene ed ospita nell'area delle Scienze Fisiche della Materia.


Facebook Twitter Linkedin YouTube Instagram